Categoria: Prosa

Andrà tutto bene. Racconto di Marco D'Alterio.

Tre giorni e mezzo di ritardo che già si è soffocati dai pensieri. “La dottoressa mi ha consigliato di fare le analisi”. “Ah vabbè, vuol perdere tempo come l’altro mese. Credo che abbiamo avuto un solo rapporto in questo periodo e figurarsi se.. ciò non toglie che…” ti risposi io allopatico. Ero a lavoro quando…
Read More

Ritorno. Racconto di Astrid Scaffo

Pietro si appoggiava sulle grucce: la guerra gli aveva portato via un piede e quello che riportava a casa era il fantasma di sé. Il camion militare che lo aveva portato all’imboccatura della strada di casa era ripartito sgommando. Si strinse nel cappotto e decise che, giunto a casa, per prima cosa, avrebbe tolto la…
Read More

Summertime. Racconto di Gianluca Spera.

Era il primo sabato di agosto. Angela avrebbe voluto trascorrere una giornata al mare, magari in una spiaggia poco affollata. Come sempre, le sarebbe piaciuto sedersi all’ombra del bar. Sorseggiare un Martini e leggere un buon romanzo. A lui, invece, piaceva nuotare e prendere il sole. Prendere il sole e nuotare. Aveva un fisico atletico…
Read More

La Chiesa di San Michele. Racconto di Astrid Scaffo

San Michele è un piccolo borgo di cinquanta anime collocato su un lato di una montagna, incastonato come un gioiello, la cui pietra più preziosa è una chiesina con adiacente la piccola canonica. Dalla casa del prete l’alba e il tramonto sono spettacolari, quando la nebbia della pianura lascia il posto al cielo rosso, si…
Read More

The Duke of Brixton. Racconto di Gianluca Spera.

Marianne s’era confusa tra la gente che s’accalcava, pressava, spingeva. Lei, incurante dei colpi che stava ricevendo, si mise a fissare il gigantesco murale di David Bowie, ricoperto di fiori e messaggi dopo la sua scomparsa prematura. Il faccione iconico di David Bowie disegnato sul muro aveva un effetto ipnotico. Una saetta rossa e blu gli…
Read More

EDERA. Racconto di Astrid Scaffo

L’ ultima casa del paese, due stanze invecchiate dal tempo e scrostate dal vento con l’edera che vi cresce tutta attorno, la ricopre bene bene e la protegge. Pare quasi un giardino verticale. Cresciuto su Stella e la sua casa. Stella sempre vestita di nero, curva ormai per le troppe vite che le sono passate…
Read More

Di te, di me. Racconto di Annamaria Cordasco

DI TE, DI ME Lettere trovate in un libro   Mariano Comense, 3 dicembre 19.. Cara Rossella,   come stai? Metto tutto il mio cuore in questa domanda, che tu possa cogliere l’interesse profondo che la anima, il senso di appartenenza, e possa farsi più sottile, fino a sparire del tutto, quella membrana che inevitabilmente…
Read More

Luca, di Annamaria Cordasco.

Luca sapeva o forse non sapeva, se ciò fosse solo un buon inizio o il principio di una tragedia, ma sapeva… che avrebbe accettato. Era bastato poco, la riflessione di un momento, per decidere. Aveva visto davanti a sé un’occasione e non se la sarebbe lasciata sfuggire. Se poi questo si fosse rivelato un male, avrebbe…
Read More

Joanna, di Annamaria Cordasco.

Joanna cercava di lavarsi il viso, nello specchio d’acqua che era assegnato alla sua unità. L’acqua era poca, perché era un bene prezioso, dal momento che era difficile ricostituirla su quel pianeta. In quei momenti tornava a pensare alla Terra, a cosa aveva significato lasciarla, per lei che vi era nata e vi era vissuta…
Read More

Senza voltarsi indietro, di Annamaria Cordasco.

MARTA AVEVA BUSSATO ALLA SUA PORTA con leggerezza, come per gioco. Doveva raccogliere soldi con una lotteria locale, per comprare le tende per le uscite del CAI. Lei non lo aveva mai frequentato, ma Lucia le aveva chiesto di collaborare, perché ce n’era la necessità. Marta aveva deciso di accettare il compito e era andata…
Read More