Il barone rampante, Italo Calvino.

Il barone rampante

Il barone rampante è un romanzo di Italo Calvino scritto nel 1957.

Ce lo racconta Astrid Scaffo nella sua recensione.

La storia de Il barone rampante di Italo Calvino.

Il barone rampante Italo Calvino

Cosimo, in un atto di ribellione alla famiglia, decide di salire su un albero e di non scenderne mai più. Letteralmente.


Il barone rampante di Italo Calvino potrebbe sembrare una storia noiosa o presto scritta.

In realtà, Cosimo si ingegna a creare nella sua vita aerea tutti i confort possibili e intrattiene relazioni umane molto intense: il suo grande amore per Viola, una bimba, poi adulta, figlia di vicini di casa; il Cavalier Avvocato, suo zio, personaggio eccentrico e misterioso; un brigante, Gian dei Brughi, che diventa un letterato e smette di far rapine; la colonia umana di Olivabassa, costituita da esuli che, a differenza di Cosimo, sono costretti a vivere sugli alberi e tutta una serie di personaggi singolari e divertenti.


Cosimo condurrà tutta la sua vita sugli alberi e, anziano, sparirà in un modo straordinario…

le imprese più ardite vanno vissute con l’animo più semplice

Il barone rampante, Italo Calvino.

Qualche curiosità.

Calvino annotò l’edizione 1965 de Il barone rampante, testo che uscì per le scuole medie, celandosi, per le note e la prefazione, dietro il nome anagrammato di Tonio Cavilla.

Nella prefazione, sotto mentite spoglie, scrisse che questo romanzo doveva inquadrarsi come una specie di Alice nel paese delle meraviglie, Peter Pan, Barone di Munchhausen e che, in questo libro, forte era il ricordo – e la nostalgia- per le sue letture giovanili.

Il romanzo fu scritto nel 1956-57, quando Calvino aveva solo trentatré anni.

Il luogo di ambientazione è di fantasia, il paese di Ombrosa, ma fortissimo si sente il paesaggio ligure, terra di origine della sua famiglia, in sottofondo e le sue memorie.

Tra queste, il personaggio del vecchio padre, una tradizione familiare laica, mazziniana (con i riferimenti alla storia tardo settecentesca e ottocentesca: Cosimo, addirittura, incontra Napoleone).

-Perchè mi fai soffrire?

-Perchè ti amo.

Ora era lui ad arrabbiarsi: No, non mi ami! Chi ama vuole la felicità, non il dolore.

-Chi ama vuole solo l’amore, anche a costo del dolore “.

Il barone rampante, Italo Calvino.

Perché vi consiglio di leggere Il barone rampante di Italo Calvino.

Calvino fu un autore che, a scuola, non apprezzai molto, forse perché la sua lettura era, allora, un obbligo. Ora, con questo romanzo, l’ho felicemente riscoperto.

Italo Calvino. Leggi la vita e opere.


Il romanzo è a tratti commuovente, soprattutto quando Cosimo si imbatte nell’amore e non riesce a viverlo pienamente.

Certamente Cosimo è un anticonformista, a suo modo un rivoluzionario, che non scende facilmente a compromessi.

Il libro offre però alcuni insegnamenti di vita sociale che consentono di comprendere perché questo romanzo venga letto nelle scuole.

Gli uomini si associano più facilmente quando hanno una causa comune ma, una volta terminata questa, non è bene ergersene a capo.

È comunque preferibile una vita associata, con tutte le sue preoccupazioni e dolori, a una solitudine esasperata che, peraltro, il nostro protagonista non ricerca mai, anzi, al contrario, si pone in relazione sempre e comunque con l’altro.
Una lettura gradevole, con tratti paesaggistici luminosi, bei sentimenti e immagini interessanti.

“Insomma, c’erano anche da noi tutte le cause della Rivoluzione francese. Solo che non eravamo in Francia, e la Rivoluzione non ci fu. Viviamo in un paese dove si verificano sempre le cause e non gli effetti”

PER CONTINUARE LA LETTURA: dopo aver letto questo romanzo sorge spontaneo proseguire con la trilogia di Italo Calvino e, quindi, “Il visconte dimezzato” e “Il cavaliere inesistente”. Segnalo anche le “Fiabe italiane” che consolidarono l’immagine di un Calvino “favolista” e che costituiscono una bellissima raccolta delle fiabe della tradizione italiana del tempo.

L’immagine in evidenza è dell’artista catalano Roger Olmos ed è tratta dal libro Cosimo, ispirato al romanzo di Calvino.

Recensione di Astrid Scaffo.

Se ti appassiona Italo Calvino, ti segnalo questo articolo Se una notte d’inverno un viaggiatore: dedicato a chi si innamora in una libreria.

Leggi il primo romanzo di Astrid Scaffo dal titolo Io so chi sei.

Articoli Correlati