Pino Imperatore incontra i bambini che…leggono!

pino imperatore

Torniamo a parlarvi di Pino Imperatore.

In un pomeriggio di pioggia, lo scrittore campano, umorista e giornalista, cimentatosi per la prima volta in un libro per l’infanzia, con l’albo illustrato Quando un bambino legge (leggi qui la nostra recensione), di Edizioni Primavera , ha incontrato a Nola, nella Libreria indipendente per ragazzi BiBì & Cocò, un pubblico di giovanissimi e scatenati lettori, pronti a fargli mille domande e, soprattutto a…raccontargliene!!!

Tanti entusiasti bambini hanno accolto Pino Imperatore, accompagnato da Claudia Cioffi e Alessandro Carofano, fondatori della casa editrice, Edizioni Primavera, con sede in Cervinara Irpina, i quali hanno descritto ai piccoli partecipanti come nasce un libro, in particolare un albo illustrato.

Questo libro racconta tre storie: quella dello scrittore, quella dell’ illustratore, e quella che leggiamo insieme”, ha spiegato Claudia Cioffi nell’introdurre un Pino Imperatore davvero emozionato di fronte ad un pubblico per lui insolito.

E poi? E poi, domande a raffica per l’autore, che non si è sottratto a nessuna risposta, per quanto fossero le prime imprevedibili, e le seconde imbarazzanti, ed il quale  ha anche ascoltato con molto interesse racconti di storie, da parte di bimbi tutt’altro che intimiditi.

Lo scrittore ha raccontato la propria storia.

In un’atmosfera di gioco e rilassatezza, Pino Imperatore ha saputo raccontare la sua storia di scrittore, “l’incontro con il foglio e la matita”, i suoi giochi preferiti da bambino, i suoi primi tentativi di scrittura, di racconto,  l’inizio di un sogno che prendeva forma e diventava il mestiere di scrivere, prima come giornalista e poi come scrittore “per far sorridere la gente, ma anche per far riflettere, con I-R-O-N-I-A”.

– “Che cos’è l’ironia?”

– “L’ironia è quando ti dico una cosa che ti fa sorridere, ma anche pensare…”.

– “Come si fa a scrivere storie?”

– “Bisogna leggere tanto. Leggere tanto è fondamentale per saper scrivere. Leggete tutto, fumetti, riviste e libri, naturalmente. Poi, ti viene l’idea e il racconto si sviluppa”.

-“Nei tuoi libri ci sono i bambini?”.

– “Qualche volta sì, anche se non sono libri per bambini.”

Com’è un bambino quando legge?

“Un bambino che legge è un’opera d’arte, perché è perfezione, è innocenza, è stupore. Se un bambino legge, dobbiamo incoraggiarlo, e far sì che sia per noi stessi un esempio. Se si incuriosisce alla scrittura, dobbiamo far in modo che continui. I bambini sono dei comunicatori straordinari, perché non hanno filtri e fanno o dicono esattamente ciò che pensano. Questa è una lezione importantissima in una società in cui la comunicazione tra le persone è davvero scarsa, nonostante sembri esattamente il contrario.

Quando usiamo le parole, ricordiamo sempre che possono valere come pietre: mai usarle come tali, ma solo per comunicare.

I bambini ci insegnano anche altro. A non cercare scorciatoie, a cercare risposte semplici alle nostre domande, perché se la via che percorriamo è lineare, retta, onesta, le soluzioni ai problemi non potranno che essere altrettanto semplici e lineari. Dai bambini dobbiamo imparare l’innocenza, perché è fondamentale per mantenere un cuore puro, che va coltivato e protetto, proprio come quello dei bambini. “.( Pino Imperatore).

Pino Imperatore

Se vuoi leggere altri articoli sullo scrittore umoristico partenopeo, ti suggeriamo:

Pino Imperatore e “Il Diavolo di Mergellina”: storia di uno scrittore e due dipinti

Articoli Correlati

Leave A Reply