Premio Strega 2019: i cinque libri finalisti ed il vincitore.

Si è concluso ieri a Roma, presso il Tempio di Adriano – Camera di Commercio di Roma, lo spoglio che ha portato alla votazione della cinquina di libri finalisti del prestigioso premio.

Ecco i titoli che concorreranno per la votazione finale del prossimo 4 luglio:

Qui tutte le trame dei libri selezionati

    • Antonio ScuratiM. Il figlio del secolo, Bompiani, con 312
    • Benedetta CibrarioIl rumore del mondo, Mondadori, con 203
    • Marco MissiroliFedeltà, Einaudi, con 189
    • Claudia DurastantiLa straniera, La nave di Teseo, con 162
    • Nadia TerranovaAddio Fantasmi, Einaudi, con 159

Questo risultato comprende i voti dei 400 Amici della domenica, di 200 votanti all’estero selezionati da 20 Istituti italiani di cultura, di 40 lettori forti selezionati da 20 librerie associate all’ALI, e di 20 voti collettivi di biblioteche, università e circoli di lettura (15 i circoli coordinati dalle Biblioteche di Roma).

Gli autori dei libri finalisti, nell’ordine da sinistra: Benedetta Cibrario, Marco Missiroli, Claudia Durastanti, Nadia Terranova e Antonio Scurati.

Si tratta di libri e di scrittori di evidente pregio, tra questi, il giovane scrittore esordiente riminese, Marco Missiroli, si è già aggiudicato, con Fedeltà edito da Einaudi,  il Premio Strega Giovani, che viene assegnato da una giuria di circa quattrocento ragazzi  dai 16 ai 18 anni – come quattrocento sono gli Amici della domenica  che compongono la giuria del premio– provenienti da oltre quaranta scuole secondarie superiori distribuite in Italia e anche all’ estero.

E’ un riconoscimento che ha lo scopo di diffondere la narrativa italiana contemporanea presso i giovani adulti, ovvero una fascia di età che, secondo dati statistici, fa registrare un calo sensibile di abitudine alla lettura da parte dei ragazzi dai 17 anni anni in su, anche se lettori fin dall’infanzia. Fedeltà di Marco Missiroli ha , probabilmente, saputo incontrare il gusto dei lettori più giovani  perché mette sotto i riflettori i delicati equilibri delle giovani e apparentemente affiatate coppie, evidenziandone  le ombre, che possono portare ad un reciproco, per quanto inaspettato allontanamento.

La votazione finale, del 4 luglio, ha stabilito a quale dei cinque è stato attribuito il prestigioso Premio Strega 2019.

Antonio Scurati con il  “M. Il figlio del secolo”, con 228 voti, si è aggiudicato il prestigioso riconoscimento.


La serata conclusiva della competizione si è tenuta a Roma, e  la giuria ha espresso i suoi voti, scegliendo tra i cinque libri finalisti.
Queste, le prime dichiarazioni dell’autore di ” M. Il figlio del secolo “:
“Era ora di riscrivere questa storia da dentro. Perché il lettore diventasse antifascista alla fine e non all’inizio della lettura”. Dopo la vittoria, per Scurati è stato il tempo delle dediche: “Dedico la vittoria ai nostri nonni e ai nostri padri che furono prima sedotti e poi oppressi dal fascismo e soprattutto a quelli che poi fra loro trovarono il coraggio di combatterlo. Vorrei dedicare il Premio anche ai nostri figli con l’auspicio che non debbano tornare a vivere quello che abbiamo vissuto 100 anni fa. Una dedica speciale a mia figlia Lucia”.

Se vuoi leggere ancora sul Premio Strega, sulle trame dei libri finalisti, nonché di quella del vincitore, vai all’articolo https://www.littlefreelibrary.it/premio-strega/

Seguimi sui social:
Marianna De Stefano

Marianna De Stefano

Avvocato, appassionata di libri. Lettrice formata Nati Per Leggere. Dal 2016 favorisce il libero scambio dei libri attraverso la Little Free Library che si trova a Saviano (Na), alla via Aliperti 70. Promuove la lettura e la diffusione della cultura del libro . Redattrice de Il Club del Libro (http://www.ilclubdellibro.it/chi-siamo.html), collabora come guest writer con il sito di letteratura per l'infanzia www.milkbook.it Nell'estate del 2018, approfondisce la narrazione della fiaba partecipando a Modena al workshop intensivo sulla narrazione delle fiabe della tradizione, tenuto dall' Ass.ne Festival della Fiaba.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *